#BESOCIAL

Steven Spielberg nuovo film adocchia il dramma religioso "Edgardo Mortara"

Dopo aver mostrato il suo interesse a lavorare a un possibile remake di “West Side Story”, Steven Spielberg, ancora incerto su quale sarà la sua prossima fatica come da regista, ha aggiunto un nuovo progetto ai tanti che avrebbe intenzione di realizzare. Si tratta del dramma religioso “The Kidnapping of Edgardo Mortara”, sceneggiato da Tony Kushner, che già collaborò con il regista per le sceneggiature di “Lincoln” e “Munich”, entrambi nominati agli Oscar come miglior film. Spielberg avrebbe intenzione di produrre e forse dirigere il lavoro, una co-produzione tra la DreamWorks e la Weinstein Co.

Il film è basato sull’omonimo libro di David Kertzer, che racconta la vera storia di un italiano ebreo, Edgardo Mortara, al centro di una controversia internazionale quando nel 1858, all’età di 7 anni, fu strappato ai genitori dalle autorità dello Stato Pontificio e fu portato da Bologna, dove viveva, a Roma per essere cresciuto da cattolico.

Già nel 2003 era prevista una pellicola ispirata al caso in questione, con Anthony HopkinsJavier Bardem, ma il progetto collassò per motivi finanziari.

Spielberg sembra essere ansioso di tornare dietro la macchina da presa e Kushner è alle prese con la prima stesura della sceneggiatura.

Il progetto, con molta probabilità, non sarà il prossimo film del regista, che al momento è ancora concentrato sul fantascientifico “Robopocalypse”, il cui script è stato finalmente completato dopo una fase di stallo, e il dramma storico “Montezuma”, in fase di scrittura da parte di Steve Zaillian (sceneggiatore di “Schindler’s List” di Spielberg e del remake “Millennium – Uomini che odiano le donne” di David Fincher).

Per questi motivi, seppur il regista non si sia ancora espresso a riguardo, molti si sentono di scommettere che il prossimo lavoro di Spielberg sarà proprio su “Robocalypse”, del quale è stato quasi concordato il budget.

Chris Hemsworth è stato annunciato come parte del progetto, essendosi dimostrato molto interessato nonostante sia ora impegnato a girare “Avengers: The Age of Ultron”.

Altro elemento che avvicinerebbe Spielberg alla regia di “Robopocalypse” sarebbe la co-produzione tra la DreamWorks e la FoxStacey Snider, socia della DreamWorks assieme al regista, ha infatti confessato l’intenzione di lasciare la compagnia una volta concluso il suo contratto a fine novembre e si vocifera che il suo prossimo lavoro potrebbe essere proprio alla Fox.

#BESOCIAL