contatore accessi web
Lo struggente e magistralmente animato Pinocchio di Guillermo Del Toro è una favola etica di altissimo livello e la migliore versione degli ultimi 80 anni.

Recensione di Pinocchio: Il nuovo film Netflix di Del Toro mostra cosa significa essere un vero ragazzo

Lo struggente e magistralmente animato Pinocchio di Guillermo Del Toro è una favola etica di altissimo livello e la migliore versione degli ultimi 80 anni.

Per millenni gli esseri umani si sono chiesti: “Cosa significa essere buoni?”. La domanda giusta per i filosofi morali, tuttavia, è un po’ diversa: “A chi serve la bontà?”. Le Avventure di Pinocchio, di Carlo Collodi, esiste da quasi 140 anni e in tutto questo tempo ha rispecchiato l’etica contemporanea di vari gruppi e culture. Dai collettivi socialisti a quelli fascisti, la storia di Pinocchio è stata utilizzata per raggiungere gli scopi più disparati.

Recensione Pinocchio di Guillermo del Toro, su Netflix

Per questo motivo, ci sono stati numerosi adattamenti della storia di Pinocchio, e addirittura tre nell’ultimo anno. Il Pinocchio di Guillermo Del Toro è senza dubbio la migliore versione da oltre 80 anni a questa parte, a partire dalla versione del 1940 (che era solo il secondo film della Disney). Questo adattamento ha un punteggio quasi perfetto su Rotten Tomatoes per una buona ragione: è un’interpretazione visivamente stupefacente, emotivamente sentita e fortemente sovversiva della favola classica, che la recupera dalle mani di altri che hanno usato la storia di Collodi come una marionetta per proclamare le proprie ideologie.

La versione di Del Toro, con l’aiuto del grande animatore in stop-motion Mark Gustafson (Fantastic Mr. Fox, The PJs), è forse l’iterazione più significativa di questa favola dal 1890. Tra l’incredibile animazione, i doppiatori di prim’ordine, l’intensa dedizione a un’etica politica e l’emotività profondamente coinvolgente, questo Pinocchio di Netflix è uno dei grandi film d’animazione dell’anno, se non il più grande.

Il Pinocchio di Del Toro è perfetto per bambini e adulti

Il Pinocchio di Guillermo Del Toro è un’epopea, ricucita con pezzi della storia originale ma con nuovi e rinfrescanti colpi di scena. Ha un cast straordinario (David Bradley, Ewan McGregor, Christoph Waltz, Tilda Swinton, Cate Blanchett, Ron Perlman, Finn Wolfhard, John Turturro, Tim Blake Nelson e un giovane Gregory Mann assolutamente perfetto nel ruolo di Pinocchio e del figlio defunto di Geppetto). Ha una grafica mozzafiato, rivaleggiata quest’anno solo dagli eccellenti Wendell e Wild. Ha musiche incredibili del grande Alexandre Desplat. Al di là di tutto questo, però, ha una presa salda sulla storia e abbastanza immaginazione da cambiarla, anche se le cose si fanno un po’ cupe lungo il percorso.

Sì, questa iterazione di Pinocchio è più cupa di quanto la maggior parte del pubblico sia abituato, ma non è assolutamente un male o un avvertimento per i genitori. Il film affronta onestamente temi come la morte, il lutto, la guerra e lo sfruttamento, ma in modi sensibili e curiosi che in realtà sarebbero utili ai bambini. Dopotutto, più a lungo i bambini vengono cresciuti con film strettamente positivi e felici, più tempo ci vorrà perché imparino cos’è la vita; questo lo sapevano praticamente tutte le culture nel corso della storia fino agli ultimi 80 anni circa (quando è stato presentato Pinocchio della Disney, non tanto per caso).

Le avventure di Pinocchio in origine erano una storia oscura

La storia originale di Pinocchio, raccontata episodicamente nell’arco di un anno in un primo periodico italiano, non era un’opera di intrattenimento raffinata e piacevole. Collodi, l’autore che iniziò la sua carriera studiando per diventare sacerdote prima di orientarsi verso la filosofia, la retorica e la politica dell’indipendenza durante l’unità d’Italia, non era un semplice autore per bambini. Era un uomo serio, con opinioni politiche complesse, ma stava anche nuotando in un mare di debiti di gioco, e così si è messo a scrivere libri di testo per le classi elementari e storie per bambini.

Collodi diede vita a Le avventure di Pinocchio nella pubblicazione periodica Giornale per i Bambini. Il suo Pinocchio era molto diverso da quello che conosciamo oggi: Pinocchio uccide letteralmente il grillo e Geppetto viene mandato in prigione per abbandono di minori. Collodi era stanco di scrivere il personaggio, che definiva “sciocchezze infantili”, e così concluse le avventure di Pinocchio con la sua morte letteralmente impiccata. Ciò provocò l’indignazione di genitori e bambini, che volevano vedere ancora il personaggio, e così Collodi lo riportò in vita a malincuore, solo per mandarlo in prigione per “crimini di stupidità”.

Il punto storico è che Pinocchio non è una storia innocente per bambini, e quando qualcuno dice che il Pinocchio di Guillermo Del Toro è troppo cupo, in definitiva non conosce il materiale di partenza. Pinocchio era un personaggio allegorico, sia per Collodi che per Del Toro, che rappresentava l’Italia, l’infanzia e forse l’innocenza stessa. Pinocchio non è una storia dolce; Pinocchio è la condizione umana. Come scrisse una volta il filosofo Benedetto Croce, “il legno di cui è intagliato Pinocchio è l’umanità stessa”.

Il miglior Pinocchio è su Netflix

Come il libro Pinocchio Goes Postmodern: Perils of a Puppet in the United States di Richard Wunderlich e Thomas J. Morrissey, la versione di Del Toro decostruisce l’etica della storia tradizionale per svelare qualcosa di più complicato e bello. Chiunque dica che questo film non è per i bambini, semplicemente non prende sul serio i bambini come esseri umani. Un film come questo insegna ai bambini cosa significa essere un “vero ragazzo”, un essere umano etico, dignitoso e amorevole. È un film ricco, bello e che fa riflettere, adatto a tutte le età, che recupera il ragazzo di legno del titolo e con Del Toro è in buone mani.

Prodotto da Netflix Animation, Double Dare You! Productions, ShadowMachine e The Jim Henson Company, Pinocchio di Guillermo Del Toro è ora disponibile in streaming su Netflix.

Link