Il Signore degli Anelli – Gli Anelli del Potere: una recensione così sbalorditiva da far sembrare House of the Dragon una serie amatoriale

Lo splendore visivo di questo ricco e magnifico dramma di Tolkien vi farà rimanere a bocca aperta. Guardate Il Signore degli Anelli – Gli Anelli del Potere sul televisore più grande che potete.

Il Signore degli Anelli: Gli Anelli del Potere (Prime Video) è destinato a dividere il pubblico. È così ricco e splendido che è facile guardare il primo episodio semplicemente a guardare i paesaggi, mentre si libra in picchiata tra le terre degli elfi e dei nani, degli umani e degli arpioni. Questa è una serie tv fatta per i grandi schermi, per poter guardare la magnificenza delle immagini, anche se sicuramente la storia è destinata ad essere ammirata anche su schermi più piccoli. È così cinematografica e grandiosa che fa sembrare House of the Dragon come se fosse stata prodotta su Minecraft.

Questo rende difficile giudicare Gli Anelli del Potere come una serie ordinaria, perché molte cose sono straordinarie. Si tratta di Tolkien, il che significa che questo mondo è già venerato e amato da molti, sia sotto forma di libri che di film di Peter Jackson o magari di entrambi. C’è un peso straordinario di aspettative prima che lo spettatore prema il tasto play. Se a ciò si aggiunge che si tratta della serie televisiva più costosa mai realizzata (465 milioni di dollari per otto episodi), è difficile considerarla una serie come le altre. È un evento, uno spettacolo, ma se non è del tutto perfetto, questo lo rende un fallimento?

Il Signore degli Anelli – Gli Anelli del Potere: una recensione straordinaria

I primi 10 minuti dell’episodio di apertura stabiliscono un ritmo e un tono fantasticamente intenso e robusto. L’inizio è calmo e piacevole, con una giovanissima Galadriel che naviga su una nave di carta nelle “terre eterne” di Valinor. Poi si mette in moto bruscamente, attraversando secoli di storia e di guerra e, cosa fondamentale, la distruzione dell’oscuro signore Morgoth. Di solito diffido dal dover leggere degli abbecedari e studiare prima di imbarcarmi in una nuova serie – dovrebbe stare in piedi da sola – ma in questo caso è probabilmente utile fare una piccola ripassata, e portarsi dei compiti a casa.

Quando la storia si stabilizza, nel crepuscolo della Seconda Era, Galadriel (Morfydd Clark) è il comandante degli eserciti del Nord, la Guerriera delle Terre Desolate, che dà ancora la caccia al luogotenente di Morgoth, Sauron, sulla base di un’intuizione, secoli dopo che la maggior parte degli elfi lo ritiene sconfitto.

Stellare la figura ritratta di Galadriel la combattente. È valorosa, imperfetta e altezzosa, tanto sanguinaria quanto brillante, segnata dagli orrori della guerra. Se questo vi sembra poco simpatico, aspettate di vedere cosa fa a un troll delle nevi.

L’episodio di apertura ci introduce anche nelle Terre del Sud, dove elfi e umani coesistono in modo disordinato tra decenni di risentimento in seguito alla guerra.

Bisogna attendere il secondo episodio e l’arrivo dei nani perché ci si immedesimi davvero nella storia, la sensazione che si tratti di un mondo pienamente realizzato in cui vale la pena di immergersi con tutto il cuore. Non è uno spoiler dire che l’idillio iniziale si infrange presto. L’insistenza degli elfi sul fatto di essere politicamente corretti con “i nostri giorni di guerra sono finiti” è più un sogno che una fredda analisi politica. Fin dall’inizio si intuisce che la decadenza è nell’aria e non ci vuole molto perché questi accenni si trasformino in sirene d’allarme che lanciano avvertimenti a gran voce. Quando c’è da essere terrificante, diventa veramente spaventoso. Verso la fine del secondo episodio, la tensione si fa sentire e la raccapricciantezza è molto più forte di quanto mi aspettassi.

Ho un paio di piccole osservazioni. A volte, c’è un sentore di recitazione da “chi ha sganciato la scorreggia?”, che forse è difficile da evitare quando si lanciano battute da aforisma da giocatore di poker come: “Un cane può abbaiare alla luna, ma non può abbatterla”. Anche il ritmo è un po’ “tutto o niente”. O corre attraverso scene d’azione sbalorditive, o si sofferma su una singola conversazione o su uno sguardo significativo. Ma questi sono cavilli e, alla fine, lo spettacolo vince comunque. Questa è una Serie TV estremamente piacevole, una festa del cinema e dello spettacolo. Ora devo solo trovare qualcuno con un televisore enorme che mi permetta di guardarlo con lui.

Link