contatore accessi web

Mediaset vuole portare la Serie A Gratis in tv, quando arriva e come sarà

L’emittente di Cologno Monzese punta a trasmettere una partita a settimana su Canale 5 o Italia 1, rompendo il monopolio di Sky e DAZN. Un’opportunità per rilanciare l’interesse verso il nostro campionato e recuperare il pubblico perso negli ultimi anni.

Da trent’anni a questa parte, il calcio italiano è stato il bene esclusivo delle pay tv. Chi voleva seguire le partite della Serie A doveva pagare un abbonamento a Telepiù, Stream, Sky o DAZN, rinunciando alla possibilità di vedere il pallone in chiaro. Ma ora le cose potrebbero cambiare. Il calcio italiano si prepara infatti a vivere una nuova era, che guarda paradossalmente al passato. Mediaset, infatti, ha intenzione di entrare in gioco nella corsa ai diritti tv del campionato e di trasmettere almeno una partita a settimana in chiaro, su uno dei suoi canali principali, come Canale 5 o Italia 1.

Il Calcio di Serie A in chiaro su Mediaset? Ecco come sarà e da quando

Si tratta di un progetto ambizioso, che potrebbe avere importanti ripercussioni sul panorama televisivo e calcistico italiano. Da un lato, infatti, Mediaset punta a rompere l’esclusiva che ha caratterizzato gli ultimi anni, con Sky e DAZN come unici detentori dei diritti tv della Serie A. Dall’altro lato, l’emittente di Cologno Monzese vuole regalare al calcio italiano il grande pubblico della tv generalista, che negli ultimi anni si è allontanato dallo sport più amato dagli italiani.

Il calcio italiano, infatti, ha subito una progressiva perdita di appeal, soprattutto tra le fasce più giovani della popolazione, che hanno preferito altre forme di intrattenimento o altri campionati stranieri. La possibilità di vedere le partite in chiaro potrebbe rappresentare un’occasione per riaccendere la passione verso il nostro campionato, rendendolo accessibile a tutti, senza dover pagare un abbonamento.

La storia della pay tv in Italia è iniziata nel 1991 con Telepiù, la prima emittente a proporre contenuti esclusivi a pagamento, tra cui il calcio e il cinema. Telepiù si suddivideva in due canali: Telepiù 1 (la rete del cinema) e Telepiù 2 (la rete dello sport). Nel 1996, Telepiù lanciò anche Telepiù Satellite, ampliando la sua offerta con diversi canali tematici.

Telepiù però non riuscì mai a decollare veramente negli abbonamenti e si trovò presto in difficoltà economiche. Nel 2003, dopo una serie di trattative, Telepiù si fuse con Stream, un altro colosso della pay tv, dando vita a Sky Italia, l’attuale leader indiscusso della tv a pagamento in Italia.

Sky Italia ha dominato il mercato dei diritti tv del calcio italiano per molti anni, fino all’arrivo di DAZN nel 2018. DAZN è una piattaforma di streaming online che ha acquistato una parte dei diritti tv della Serie A e che ha proposto un’offerta più economica e flessibile rispetto a Sky.

Ora però Mediaset vuole sfidare i due giganti della pay tv e portare la Serie A in chiaro. Si tratta di una scommessa che potrebbe cambiare il volto del calcio italiano e riportarlo al centro dell’attenzione del pubblico.

Link