SHARE

Un weekend di fuoco al boxoffice italiano anche grazie al primo capitolo de Lo Hobbit – Un viaggio inaspettato, trilogia tolkeniana di Peter Jackson: 4.300.000 euro con media per sala di 5600.

Sono davvero grandi numeri, ma è lontano il traguardo ottenuto all’esordio Breaking Dawn Parte II, che totalizzò alla partenza del granprix quasi 11.000.000 con però più sale, 9.500 per l’esattezza. Il caso riguarda anche l’ultimo 007 Skyfall, più in vantaggio anche grazie al ponte del 1° novembre, il quale registrò una media per sala di 8.600.

Assai meglio il film di Jackson è andato negli Stati Uniti, dove ha incassato 84 milioni di dollari, polverizzando il record del primo weekend del periodo natalizio, precedentemente detenuto da Io sono leggenda (che si fermò a 77 milioni). Addirittura meglio del primo approdo registrato della trilogia di Tolkien: ovvero La compagnia dell’anello che totalizzò 47 milioni, Le due torri 62 e Il ritorno del re 72. Gravano sulle cifre certamente le sale (quasi la metà) in 3D e per una distribuzione corposa in IMAX (solo grazie ad essa ne provengono 10 milioni).
lo hobbit record
Direttamente al secondo posto si piazza il Sequel di Antonio Albanese che quest’anno si fa in tre in Tutto tutto niente niente di Giulio Manfredonia: partenza con 2.300.000 euro.
Terzo posto per il nuovo cinepanettone Colpi di fulmine: con Christian De Sica, Lillo e Greg portano a casa solo 1.400.000.
Casca dal primo al quarto posto il cartoon DreamWorks Animation Le cinque leggende, che incassa 690.000 euro e raggiunge il totale italiano di 5.300.000.
Dalla vetta al quinto posto il film pre-natale Il peggior Natale della mia vita,il quale riesce a racimolare altri 430.000 euro per un bottino complessivo di 7.500.000.

SHARE