#BESOCIAL
Il libro della giungla

Il libro della giungla

La Walt Disney Pictures ha finalmente trovato il regista che dirigerà l’adattamento cinematografico in live action de Il libro della giungla (1894) del Premio Nobel per la Letteratura Rudyard Kipling (1865-1936): a sorpresa, sarà infatti l’attore, regista, sceneggiatore e produttore cinematografico newyorkese Jon Favreau (già dietro la macchina da presa di Cowboys & Aliens, Iron Man ed Elf) il cineasta designato dalla casa di produzione che, una volta ultimata la post-produzione di Chef (2014), affiancherà lo sceneggiatore Justin Marks (Street Fighter – La leggenda). “Non posso dire troppo però la sceneggiatura ha un taglio davvero interessante che potrebbe essere molto bello sullo schermo. La mia speranza è quella di rilanciare il genere del film per famiglie arricchendolo di elementi mitici ed iconici” ha commentato Favreau. “Ci saranno effetti visivi e sequenze d’azione per le quali mi tornerà utile la mia precedente esperienza con i film di Iron Man”. Le riprese dovrebbero iniziare il prossimo anno.

Il libro della giungla è uno dei libri d’avventura più amati di tutti i tempi. Akela, capo dei lupi della giungla indiana, trova fra i cespugli un cucciolo d’uomo: un bambino nudo e bruno, che gli sorride quando lo vede. La legge della giungla impedisce alle belve di cacciare l’uomo, che è troppo pericoloso e pronto a vendicarsi. Inoltre Mowgli, come verrà chiamato il piccolo, ha un’aria inoffensiva: nessuno può avere paura di lui. Solo Shere Khan, la grande tigre, vorrebbe ucciderlo per divorarlo. La pantera Bagheera e l’orso Baloo glielo impediscono: Mowgli potrà vivere e crescere in libertà. Diventa amico di tutti gli animali: Kaa il pitone e Tabaqui lo sciacallo, Mang il pipistrello, Rikki-Tikki-Tavi la mangusta, che riesce a uccidere il cobra Nag, velenoso e tanto più forte. Solo Shere Khan resta nemica: ma sarà Mowgli con la sua intelligenza a vincere.

#BESOCIAL