Contatore accessi gratis In Blade Runner 2049 il regista voleva David Bowie come protagonista

In Blade Runner 2049 il regista voleva David Bowie come protagonista

È passato un lasso di tempo di sette anni da quando David Bowie ha lasciato questo mondo, e oggi rivolgiamo il nostro sguardo a lui poiché è emerso che un importante personaggio di un noto e relativamente recente film di fantascienza era stato originariamente pensato per lui. Ci stiamo riferendo al ruolo del cattivo in “Blade Runner 2049”, successivamente affidato a Jared Leto.

In Blade Runner 2049 la prima scelta del regista era David Bowie

Il rilascio di “Blade Runner 2049” è avvenuto nel 2017, e dunque Denis Villeneuve, il regista, è giunto alla realizzazione di questo sequel in una fase in cui David Bowie era già venuto a mancare. In effetti, se Bowie avesse interpretato quel ruolo, il seguito del celebre film “Blade Runner” avrebbe potuto ottenere ulteriori acclamazioni. Questa riflessione è alimentata anche dalla sua scomparsa avvenuta due giorni dopo l’uscita del suo venticinquesimo album in studio e del suo 69° compleanno, una perdita che ancora rattrista molti.

L’Alcon Entertainment, la casa di produzione, aveva espressamente chiesto a Denis Villeneuve che questo sequel non fosse un semplice adattamento modernizzato del film originale. Sebbene avesse già confermato la partecipazione di Harrison Ford, il regista cercava ancora un volto familiare per un ruolo cruciale. Ed è qui che entra in gioco Ryan Gosling. Tuttavia, per il ruolo dell’antagonista, era necessario qualcuno con un carisma che potesse superare quello di qualsiasi altro personaggio umano nel film. Secondo quanto riferito dallo stesso Villeneuve, David Bowie è sempre stata la sua scelta iniziale e sembrava essere la persona perfetta per il ruolo. L’artista che aveva interpretato Ziggy Stardust e aveva un forte interesse per l’occulto sembrava destinato a essere il leader della Wallace Corporation, l’azienda che creava i replicanti.

Tuttavia, il destino spesso ha altri piani, e David Bowie è scomparso prima che la Warner potesse sfruttare nuovamente le sue doti attoriali. Il ruolo è stato poi assunto da Jared Leto, che ha interpretato Niander Wallace in modo straordinario.

“Blade Runner 2049” non sarebbe stato il primo film di David Bowie. La sua prima comparsa come protagonista cinematografico risale al film “L’uomo che cadde sulla Terra” nel 1976, curiosamente un film di fantascienza. Ha poi recitato in opere come “Gigolò”, “Miriam si sveglia a mezzanotte” (in coppia con Catherine Deneuve), “Furyo”, e ha interpretato il ruolo di Jareth il Re dei Goblin in “Labirinto”. Ha anche interpretato il ruolo di Ponzio Pilato in “L’ultima tentazione di Cristo”, l’agente dell’FBI Phillip Jeffries in “Fuoco cammina con me”, e Andy Warhol in “Basquiat”. Inoltre, ha avuto un ruolo di rilievo in “Il mio West” di Giovanni Veronesi. Nel nuovo millennio, Bowie è apparso anche in “The Prestige” diretto da Christopher Nolan, un film che è stato molto apprezzato.

Link