contatore accessi web
Il produttore di James Bond ricorda l'incontro molto triste con Amy Winehouse

Il padre di Amy Winehouse fa causa per le vendite all’asta

Mitch Winehouse Aziona in Tribunale gli Amici di Amy: Profitti delle Vendite d'Oggetti 'Amy' in Discussione.

Mitch Winehouse ha avviato un’azione legale in tribunale contro due amici di sua figlia, la celebre cantante Amy Winehouse, affermando che essi abbiano trattenuto i profitti derivanti dalla vendita di oggetti legati ad Amy.

Mitch Winehouse Aziona in Tribunale gli Amici di Amy: Profitti delle Vendite d’Oggetti ‘Amy’ in Discussione

Nello specifico, Mitch Winehouse ha citato in giudizio l’amica di Amy, Catriona Gourlay, e la stylist Naomi Parry, sostenendo che abbiano messo all’asta una serie di oggetti legati alla cantante scomparsa, trattenendo i proventi delle vendite. Mitch Winehouse insiste sul fatto che tali proventi dovrebbero essere stati devoluti in beneficenza, a sostegno della fondazione istituita in onore di sua figlia.

Un comunicato rilasciato a nome dell’Amy Winehouse Estate ha spiegato: “Due individui hanno messo all’asta diversi oggetti e hanno trattenuto i proventi: tutti gli oggetti erano legati ad Amy. Quest’anno hanno messo all’asta ulteriori oggetti legati ad Amy. Complessivamente, le due aste hanno generato somme a sei cifre per ciascuno di loro. L’estate ha sollevato dubbi sul come questi oggetti siano entrati in loro possesso e non ha ottenuto risposte soddisfacenti. L’estate ha avviato una procedura legale per chiarire la situazione. La Amy Winehouse Foundation trarrà beneficio diretto se verranno recuperate somme da uno qualsiasi dei due convenuti.”

La controversia sembra essere collegata a un’asta del 2021 tenutasi a Beverly Hills, California, che ha raccolto più di £3,3 milioni. Tra i lotti venduti c’era un abito creato da Naomi Parry, che Amy indossò per il suo ultimo concerto nel 2011, il quale ha fruttato £200.000.

Altri oggetti messi all’asta sembrano includere note scritte dalla star di “Back To Black,” e secondo quanto riportato dal quotidiano, il 30% dei proventi di quella asta è stato devoluto alla Amy Winehouse Foundation.

Questa controversia emerge dopo che Mitch Winehouse, fondatore della Amy Winehouse Foundation, ha rivelato di aver discusso del futuro con Amy prima della sua scomparsa. Ha dichiarato: “Abbiamo parlato del suo futuro. Era speranzosa. Non credo fosse proprio nel punto in cui stava per scrivere un altro album, ma stava sempre lavorando su nuovo materiale. E ci sono diverse canzoni inedite che abbiamo scritto durante quel periodo.”

MisterMovie.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google, se vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie seguici su Google News.
Link