SHARE

cinema-crisiPurtroppo la crisi colpisce proprio tutti e i dati Cinetel parlano chiaro, infatti,  secondo le stime c’ è stato un calo dal 2011 al 2012 di presenze (-10%) e di incassi (-8%). E c’è stata anche una diminuzione per quello che riguarda la quota di mercato dei film italiani (-11%), mentre la percentuale di quelli statunitensi aumenta, passando dal 46,8% del 2011 al 51,2% nel 2012.

Quest’anno è stata introdotta la modifica d’uscita dei film nuovi al cinema, infatti da Ottobre scorso i film invece del venerdi, escono il giovedì. Decisione importante e intuitiva che ha portato negli ultimi 3 mesi a un aumento del 15,8%. Gli esercenti e le associazioni di categoria, ANEC, ANICA e ANEM, per ovviare alla crisi, hanno deciso di adottare delle contromisure.

Per combattere la crisi: Nel mese di maggio verrà indetta la settimana della “Festa del Cinema”, dove il biglietto costerà solo 3 euro. Un’altra iniziativa, promossa dal MIUR, permetterà a 2,5 milioni di studenti delle scuole superiori di aderire alla Carta dello Studente, che permetterà di usufruire della riduzione del 40% del prezzo del biglietto nei primi tre giorni della settimana.

SHARE

1 COMMENT

  1. Era ora, ultimamente ho visto il raddoppio del biglietto, non si può pagare 8 euro un film quando poi a dirla tutta per andare al cinema si spendono circa 20-30 euro (popcorn, benzina, parcheggio, etc), non si combatte alzando il prezzo la crisi delle sale vuote…

Comments are closed.