contatore accessi web

Guardiani della Galassia Vol. 3: James Gunn è tornato per raccontare la storia di Rocket

James Gunn può avere molte cose da fare con il DCU, ma dice che doveva concludere la storia dei Guardiani in un modo che solo lui poteva fare.

James Gunn si sta buttando a capofitto nel mondo della DC, con cui ha sicuramente un compito difficile da svolgere, ma la sua mente è anche rivolta a Guardiani della Galassia Vol. 3 dei Marvel Studios. In una lunga intervista con Entertainment Weekly, Gunn ha rivelato il motivo principale per cui è voluto tornare a completare la sua trilogia e come non avrebbe potuto andarsene senza raccontare la storia di un personaggio.

Ecco perché James Gunn è tornato a dirigere Guardiani della Galassia Vol. 3

“Uno dei motivi per cui sono tornato a [fare] questo film è perché sentivo di dover raccontare la storia di Rocket. Mi sarebbe dispiaciuto molto non completare la trilogia per molte ragioni, ma mi sento molto legato a Rocket. Sento che nessuno sarebbe stato in grado di raccontare la sua storia completa se non fossi stato io. Per me, Rocket è sempre stato il protagonista segreto dei film dei Guardiani. Fin dall’inizio, è stato radicato in chi è lui come personaggio. Penso che esemplifichi molti dei tratti di tutti i Guardiani. Hanno subito tutti questi traumi e questo li unisce. Penso solo che il suo sia più estremo degli altri”.

Ognuno ha il suo Guardiano preferito, ma Rocket è certamente in cima alla lista di molti, sia per le sue sfuriate, sia per il suo atteggiamento aggressivo, sia per il suo rapporto affettuoso con Groot. Ora i fan scopriranno tutto sul procione amante delle armi, ed è una storia che Gunn aspettava di rivelare.

“Stava bene come animale ed è stato trasformato in qualcosa che non voleva essere. Credo che la trasformazione in sé sia stata estremamente dolorosa, ma credo anche che lo abbia fatto sentire incredibilmente estraneo a tutti gli altri”. Nel Vol. 3 impariamo molto sul suo passato: da dove viene, chi è e cosa ha passato. È stata una strada difficile per il piccolo animale”.

Link