Contatore accessi gratis Geolier e Ultimo nella nuova Canzone "L'ultima poesia", video e testo

Geolier e Ultimo nella nuova Canzone “L’ultima poesia”, video e testo

Dopo il successo sanremese di “I p’ me, tu p’ te”, il rapper napoletano Geolier torna con “L’ultima poesia”, un singolo che segna la sua prima collaborazione con il cantautore romano Ultimo. Un connubio inedito che promette di conquistare il pubblico con la sua carica emotiva e la sua originalità.

Geolier e Ultimo Collaborano in “L’ultima poesia”

“L’ultima poesia” rappresenta il ritorno di Ultimo dopo il quarto posto a Sanremo 2023 con “Alba” e il trionfale tour negli stadi. Un’attesa che si avvera per i fan di entrambi gli artisti, curiosi di scoprire come i loro stili si fonderanno in questo nuovo brano.

La canzone è frutto della collaborazione di una squadra di talentuosi autori: Nicolò Moriconi (Ultimo), Emanuele Palumbo (Geolier), Davide Petrella, Alessandro Merli, Fabio Clemente, Julien Boverod e Gennaro Petito. Il risultato è un testo profondo e toccante, capace di emozionare e di far riflettere.

Prodotta da Takagi & Ketra e distribuita da Warner Music, “L’ultima poesia” è stata pubblicata il 22 marzo 2024 e ha già riscosso grande successo. Il brano si distingue per il mix unico di sonorità: Geolier si esprime nella sua lingua madre napoletana, mentre Ultimo aggiunge la sua emotività caratteristica. Un connubio che crea un’esperienza musicale coinvolgente e indimenticabile.

Con “L’ultima poesia”, Geolier e Ultimo confermano la loro versatilità e la loro capacità di creare musica che arriva al cuore. Un brano che rappresenta un passo avanti nella carriera di entrambi gli artisti e che lascia un segno indelebile nel panorama musicale italiano.

Geolier & Ultimo – L’ultima poesia, Testo

Quando tu sola te ne vaje, tu sola te ne tuorne
Nun t’annasconnere che ‘o ssaje, t’arragge e nun t’adduorme
Na vita nn’è abbastanza pe te conoscere in fondo
Visto ca tu nun pirmitte maje a nisciuno d’o fà
Essere nuje è difficile p’cché sapimmo si ce vene ditta na bucia oppure na verità
Na notte ca nun schiara e ‘sti penziere se ne fujeno
N’abbraccio brucia ‘e mmane, staje lontano o te n’hê fuje da me
E certi vote no, nun è accussì difficile
A stà ‘nzieme a te equivale a vivere e a m’accidere

T’annammure p’cché nn’vuò stà tu sola
Ma staje sola pur si staje cu’mmé
Comme vuò ca te vogghio bene
Si ogne abbraccio è na catena all’anema?
Cancella tutt’cose, ‘o munno nun esiste, però esiste ancora tu
E t’agg scritt l’ultima poesia
T’annammure p’cché nn’vuò stà cu’tte

Nn’criscimmo maje pecché criscimmo troppo ampress
‘O male è sempe ‘o stesso, però tu ‘o guarde diverso
Simmo jute ô manicomio cchiù ‘e na vota
Nun vide che è fernut? Na canzone senza note
E non pazziammo cchiù i’ e te, e non m’hê ditto cchiù p’cché
Te ne si juta luntana ‘a me, i’ luntano ‘a te
Nun voglio stà pe nu juorno ‘e cchiù
Ca alla fine non è o’ver che nuje murimm
Nuje ce sceglimmo a chi purtà cu nuje ‘int’a n’ata vita
Facimmo ammore, ma è na guerra o c’assumiglia
Te cunuscevo prima ‘e te cunuscer pe finta

Pero nn’fa niente, no, nun è accussì difficile
A stà ‘nzieme a te equivale a vivere e a m’accidere

T’annammure p’cché nn’vuò stà tu sola
Ma staje sola pur si staje cu’mmé
Comme vuò ca te vogghio bene
Si ogne abbraccio è na catena all’anema?
Cancella tutt’cose, ‘o munno nun esiste, però esiste ancora tu
E io ti ho scritto l’ultima poesia perché
Pensavo che così non ti scordavi me, ma io scordavo te
È una finta verità che mi brucia ma guarisce il cuore

T’annammure p’cché nn’vuò stà tu sola
Ma staje sola pur si staje cu’mmé
Comme vuò ca te vogghio bene
Si ogne abbraccio è na catena all’anema?
Cancella tutt’cose, ‘o munno nun esiste, però esiste ancora tu
E t’agg scritt l’ultima poesia
T’annammure p’cché nn’vuò stà cu’tte

Link