Eurovision: l’Ucrania si ritira, Alina Pash pro Russia?

Non è ancora entrata nel vivo la kermesse dell’Eurovision Song Festival che quest’anno si terrà in Italia a Torino e già i primi “espulsi”: l’Ucraina con Alina Pash non potrà partecipare.

La motivazione è dettata dalla stessa Ucraina: in seguito al contrasto fra Russia e Ucraina, il regolamento di Vidbir 2002 (lo show che in Ucraina elegge il rappresentante dell’Eurovision Song Contest), parla chiaro: nessun cantante candidato deve aver tenuto concerti in Russia, pena l’espulsione.

“Sono una cittadina ucraina. Seguo le leggi dell’Ucraina, cerco di portare le tradizioni e i valori dell’Ucraina nel mondo. Ciò che questa storia si è rivelata non è affatto ciò che ho inserito nella mia canzone. Sono un’ artista, non un politico. Non ho un esercito di PR, manager, avvocati per resistere all’assalto di questo attacco e pressione, all’hackeraggio dei miei social network e alle minacce. Trovo inaccettabile che ci siano persone che parlino senza comprendere la situazione dimenticando la dignità di ogni cittadino ucraino”.

Alina Pash

Link