Black Panther: Il co-sceneggiatore di Wakanda Forever parla dei Villains del film

Il co-sceneggiatore Joe Robert Cole parla dell'introduzione di Namor in Black Panther e di un'altra scena chiave del film.

Mentre Black Panther: Wakanda Forever ha subito alcuni cambiamenti importanti a causa della scomparsa di Chadwick Boseman, qualcosa che non è cambiato è stato chi sarebbe stato l’antagonista del film. Secondo il co-sceneggiatore del film, Joe Robert Cole, in un’intervista a Rolling Stones India, Namor (Tenoch Huerta Mejía) ha sempre fatto parte dei loro piani per il sequel.

Black Panther: i villains del film

“Ryan ne ha parlato con tutti noi in termini di espansione del mondo del primo film di Black Panther per incorporare davvero un’altra civiltà, un’altra comunità di colore per ampliare davvero il mondo. E volevamo, come per il Wakanda, far sentire Atlantide come un luogo reale nel mondo”.

Naturalmente, sono state apportate delle modifiche al personaggio per la sua rappresentazione nel Marvel Cinematic Universe. Nei fumetti, Namor, alias Sub-Mariner, è il sovrano di Atlantide. Nel MCU, K’uk’ulkan, alias Namor, è il sovrano di Talokan. Secondo il regista e co-sceneggiatore Ryan Coogler, il film è stato realizzato per differenziare Wakanda Forever dalle passate rappresentazioni di una città affondata nel mare.

Black Panther: sui villains parola a Joe Robert Cole

“Avevamo iniziato il lavoro di ricondurre Talokan a un’antica comunità Maya, che si era staccata e nascosta nelle profondità dell’oceano, scavando nella storia meso-americana del popolo Maya. Questo aspetto è sempre stato presente e abbiamo sempre saputo che volevamo che Namor fosse il nostro antagonista. Credo che all’inizio ci siano state diverse idee su chi potesse essere. Ma quando sono entrato a far parte del gruppo, Namor era l’uomo giusto”.

Circa a metà del film, Namor lancia un attacco al Wakanda che vede la città allagata e la perdita di vite umane. In risposta, Shuri (Letitia Wright) diventa la nuova Pantera Nera. Dopo aver ricreato l’Erba a forma di cuore, Shuri la prende e si riunisce con un membro della famiglia sul piano ancestrale. Invece di chi si aspettava, viene accolta da N’Jadake/Erik “Killmonger” Stevens (Michael B. Jordan), l’antagonista del primo film.

Il ritorno del re

“Abbiamo sempre voluto che Michael tornasse, e sento che sarebbe stato sempre nel piano ancestrale con Shuri che ha preso la pozione. La domanda è sempre stata: come si fa a realizzare la cosa di cui credo stiate parlando? Come si fa a fare qualcosa di più di un semplice “tutti sono eccitati perché Michael è fantastico e il personaggio è fantastico”? In che modo è rilevante per il viaggio di Shuri e diventa un punto di snodo per il suo personaggio?”.

Come ci sono riusciti? Nel primo film, il viaggio di Killmonger era incentrato sulla vendetta, la rabbia e la frustrazione per la morte del padre. Questi stessi sentimenti sono quelli che Cole e Coogler hanno cercato di trasmettere a Shuri fin dall’inizio. La “rabbia di aver perso qualcuno, il senso di perdita”. E poi come questi sentimenti si sarebbero intensificati in seguito all’attacco di Namor.

“Abbiamo cercato di basarci su questo, in modo che lui le presentasse una scelta: Si muoverà verso la direzione in cui si muoverà Killmonger? Oppure farà qualcosa di diverso? L’idea era di costruire con successo la posta in gioco per lei, in modo che risuonasse. In modo da farle sentire il diritto di provare quella sorta di [desiderio di] vendetta”.

L’aspetto che Cole ha amato della scena di Killmonger in Wakanda Forever è stato il suo punto di vista su come ha cambiato il Wakanda:

“Killmonger è entrato in scena e ha parlato della domanda: “Sono il custode di mio fratello? E di come il Wakanda non si sia preso cura del mondo. Qui c’è Ramonda, la regina, che è diametralmente opposta – era molto più isolazionista di T’Challa – che salva RiRi, questo adolescente afroamericano. Si può sostenere che prima di Killmonger questo non sarebbe successo. Quindi siamo riusciti a rendere quella scena non solo rilevante per il personaggio di Shuri, ma anche per la nazione di Wakanda”.

Link