#BESOCIAL

Prima Alejandro Gonzalez Inarritu, poi Ron Howard e adesso Andy Serkis. Per la Warner Bros riuscire a trovare un regista per l’adattamento cinematografico della raccolta di racconti di Rudyard Kipling, Il Libro della Giungla, sembra un’impresa più difficile del previsto.

Il Libro della Giungla, di nuovo al cinema con Andy Serkis

Scartati Inarritu e Howard, il nome che sta circolando in queste ore è quello di Andy Serkins, divenuto celebre per aver prestato voce e movenze a Gollum, la strana creatura della trilogia de Il Signore degli Anelli per cui Serkins ha ricreato i movimenti davanti al blue screen.

L’attore e regista britannico ha grande esperienza nel campo nella motion capture, tecnica che sarà di grande utilità per dare vita agli animali protagonisti dei racconti Kipling. Nel suo curriculum, Serkins vanta anche il compito di regista della seconda unità nella saga de Lo Hobbit, all’interno della quale è  tornato a interpretare Gollum.

I racconti dell’ autore premio Nobel per la letteratura Rudyard Kipling, seguono la storia del giovane Mowgli, il “cucciolo di uomo” cresciuto da un branco di lupi nella foresta. Il Libro della Giungla ha avuto diversi adattamenti cinematografici nel corso degli anni, anche se il più popolare è un film di animazione del 1967. Il prossimo, che verrà distribuito a ottobre 2015, sarà prodotto dalla Walt Disney e diretto dal regista dei primi due capitoli della trilogia di Iron Man,  Jon Favreau.

Nel giro di pochi anni vedremo quindi ben due adattamenti delle avventure di Mowgli e dei suoi amici animali. In realtà, il motivo per cui ci sarà questo doppione non è molto chiaro. Noi non possiamo far altro che attende e giudicare chi fra Serkins e Favreau avrà dato vita alla pellicola migliore.

#BESOCIAL