Il Comune di Riccione vuol querelare Emis Killa, ecco perché

Emis Killa ormai lo conosciamo bene, irriverente e se ha qualcosa da dire, la dice. Così come quando ieri ha definito in un tweet Riccione pericolosa, come Marsiglia, ed ha toccato un nervo scoperto della Sinistra, pronta a querelarlo.

Il sindaco di Riccione, Daniela Angelini, non ha apprezzato le parole del rapper e ha minacciato querela per diffamazione: “Sono indignata dalle parole di Emis Killa. Le respingo con forza e le ritengo frutto di assoluta malafede, ha raccontato una Riccione che non esiste”. Quindi, ha aggiunto: “A tutela dell’onorabilità della città che rappresento, dei nostri operatori, dei cittadini e degli ospiti stessi che amano Riccione, i nostri legali sono già al lavoro per procedere con le opportune azioni giudiziali, volte a punire questa gratuita diffamazione e a ottenere il risarcimento del danno d’immagine conseguente”. Il primo cittadino di Riccione, eletto a giugno con una lista sostenuta da Pd e M5s, ha minacciato querela anche per “esponenti politici nazionali che per meri scopi elettorali intendono cavalcare questa azione denigratoria”.

Link