Wonder Woman: quant’è dura essere lei

Wonder Woman quant e dura essere lei (1)Dopo il successo de “L’uomo d’acciaio”, da tempo è stato annunciato l’avvento di un sequel del film che si chiamerà “Batman vs Superman”.

L’atteso ritorno dell’uomo in calzamaglia blu ha suscitato da subito diverse polemiche per la scelta dell’interprete del collega pipistrello. A molti fan del supereroe di nero vestito e della trilogia di Nolan, diventata un riferimento per chiunque voglia cimentarsi nella narrazione delle vicende di Bruce Wayne, non è piaciuta per nulla la scelta di Ben Affleck.

Batman a parte, pare che anche l’annunciata partecipazione di Miss Israele in persona nei panni di Wonder Woman non abbia del tutto convinto gli appassionati.

A difendere la scelta del regista si è alzata la voce niente di meno che della Wonder Woman in carica, Lynda Carter.

Wonder WomanL’attrice ormai 62enne interpretò la patriottica eroina americana in una serie di grande successo andata in onda in televisione dal 1975 al 1979 e in una recente intervista a Metro ha dichiarato di approvare la scelta di Zack Snyder di affidare la parte che fu sua a Gal Gadot.

Lynda Carter ammette di essere ancora molto affezionata al personaggio che le diede notorietà e augura il meglio alla nuova giovane interprete.

C’è da dire che interpretare Wonder Woman non sarà certo un gioco da ragazzi per l’attrice e modella israeliana poiché nell’immaginario collettivo la supereroina rappresenta ben più di una bella signora inguainata in un costumino sexy ma una vera e propria icona femminista, l’incarnazione della forza e del potere delle donne che affrontano la vita di tutti i giorni anche senza avere superpoteri o aerei invisibili.

Wonder Woman quant e dura essere lei (1)Gal Gadot, pur non rispecchiando la fisicità che William Moulton Marston attribuì a Diana Prince/Wonder Woman quando comparì per la prima volta nel lontano 1941, rappresenta la nuova generazione, una super donna adeguata ai gusti dei nostri tempi, giusti o sbagliati che siano.

Anche un’altra delle interpreti del film, Amy Adams/Lois Lane, ha dovuto incassare critiche per la sua poca aderenza al personaggio ma la cosa non sembra averla turbata e interrogata a riguardo ha affermato che non può dare torto ai fans e che a livello fisico lei è lontana dalla Lois Lane originale ma che la rispecchia per quanto riguarda aspetti più profondi, come la sua intelligenza e scaltrezza e l’amore che nutre per il suo Clark Kent.

Gli incalliti ammiratori di Wonder Woman dovranno avere fiducia in Zack Snyder e negli allenamenti cui Gal Gadot si sta sottoponendo per irrobustire il fisico che comprendono sedute di Kung Fu, Kickboxing, Scherma e Jujitsu.

Per quanto riguarda la mancanza di seno, la stessa Miss Israele ha affermato simpaticamente che se si dovesse prendere alla lettera l’origine Amazzone di Wonder Woman, la bella supereroina dovrebbe averne uno in meno, dunque…

Chi si accontenta gode…

No Comments Yet

Comments are closed