Venezia 71: Manifesto ufficiale e presidenti di giuria

Manifesto Venezia 71

Come ogni anno, ritorna la Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, giunta alla sua edizione numero 71, diretta da Alberto Barbera e organizzata dalla Biennale, presieduta da Paolo Baratta e che quest’anno si svolgerà dal 27 agosto al 7 settembre.
Noi di MisterMovie saremo presenti!

Manifesto di Venezia 71

Il manifesto ufficiale di quest’anno è ispirato all’ultima inquadratura de I 400 colpi (Les quatre cents coups, 1959) di François Truffaut; manifesto realizzato per il terzo anno da Simone Massi.

Se il Festival di Cannes ha omaggiato Marcello Mastroianni, Venezia 71 ricambia omaggiando Truffaut; il ragazzo raffigurato in primo piano è Antoine Doinel, il personaggio protagonista del capolavoro d’esordio di Truffaut, I 400 colpi.
Scappato dal riformatorio, il ribelle Antoine nell’ultima inquadratura guarda in macchina. Sullo sfondo, il mare che non aveva mai veduto e che ha appena raggiunto di corsa.
Nel manifesto della Mostra, Simone Massi immagina il ragazzo contornato da pesci volanti: un elemento che cerca di equilibrare la dimensione interrogativa del suo sguardo, prima del tuffo nel mare della vita.

L’immagine del manifesto è stata curata ancora dallo Studio Graph.X di Milano, sulla base dei disegni di Simone Massi;  premiato col David di Donatello 2012 per il miglior cortometraggio, è l’autore della sigla che dal 2012 introduce le proiezioni ufficiali della Mostra di Venezia.

I Presidenti di giuria

Alexandre DesplatPer la Giuria Internazionale il presidente è Alexandre Desplat compositore francese di musiche e colonne sonore conosciute a livello internazionale.
Per la prima volta un compositore di musiche presiede questo tipo di giuria alla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, che assegnerà molti premi ufficiali, per i film in concorso, tra cui l’ambito Leone d’oro.

Alexandre Desplat è tutt’altro che un novellino: nominato per 6 volte agli Oscar (The Queen, Il curioso caso di Benjamin Button, Fantastic Mr. Fox, Il discorso del re,  Argo, Philomena) nella sua carriera ha ricevuto un Golden Globe, 3 Césaar, 2 European Award, 1 Bafta e 1 Orso d’argento al Festival di Berlino.
Desplat vanta collaborazioni importanti con registi con Roman Polanski, Terrence Malick, Tom Hooper, David Fincher, George Clooney, Ang Lee, Ben Affleck, Wes Anderson, Matteo Garrone.

La Giuria Internazionale della sezione Orizzonti sarà invece presidiata dalla più importante regista di Hong Kong, Ann Hui; la sua nuova opera, The Golden Era, sarà il film dAnn Huii chiusura della Mostra di Venezia, una ricostruzione della vita di Xiao Hong, una delle scrittrici più radicali e controverse della letteratura cinese del primo Novecento.
 Ann Hui, la prima regista donna a ottenere l’Asian Film Award (l’Oscar asiatico) alla carriera, è autrice di una trentina di lungometraggi e vincitrice di numerosi premi.
È considerata una delle maggiori rappresentanti della Nouvelle Vague di Hong Kong degli anni ’70 e ’80, ma i suoi film hanno attraversato tutte le fasi della storia dell’ex colonia britannica fino a anni recenti.
Nel 2011 ha riscosso un grande successo a Venezia con A Simple Life, per il quale l’attrice Deanie Ip ha vinto la Coppa Volpi.

La sezione Orizzonti comprende un Concorso internazionale riservato a un massimo di 20 lungometraggi, dedicato a film rappresentativi di nuove tendenze estetiche ed espressive del cinema mondiale, con particolare riguardo per gli esordi, gli autori emergenti e non ancora pienamente affermati, le cinematografie minori e meno conosciute, ma anche opere che si misurano con i generi e la produzione corrente con intenti d’innovazione e di originalità creativa. All’interno della sezione Orizzonti è ospitata una selezione competitiva di cortometraggi della durata massima di 20 minuti, scelti in base a criteri di qualità e originalità linguistico-espressiva.

Alice RohrwacherSarà invece la regista italiana Alice Rohrwacher a presiedere la Giuria Internazionale del Premio Venezia Opera Prima “Luigi De Laurentiis”, appena reduce dalla vittoria el Gran Premio della Giuria all’ultimo Festival di Cannes con Le Meraviglie.

La Giuria Internazionale del Premio Venezia Opera Prima “Luigi De Laurentiis”, composta da 7 personalità del cinema e della cultura di diversi Paesi, tra i quali un produttore, assegnerà senza possibilità di ex aequo, tra tutte le opere prime di lungometraggio nelle diverse sezioni competitive della Mostra (Selezione ufficiale e Sezioni Autonome e Parallele), il Leone del Futuro – Premio Venezia Opera Prima “Luigi De Laurentiis”, e un premio di 100.000 dollari, messi a disposizione da Filmauro di Aurelio e Luigi De Laurentiis, che sarà suddiviso in parti uguali tra il regista e il produttore.

Giuliano Montaldo

Ultimo, ma non meno importante, è il regista Giuliano Montaldo (Sacco e Vanzetti, L’Agnese va a morire, Gli occhiali d’oro) che presiederà la giuria di studenti di cinema che alla 71. Mostra di Venezia assegnerà il PREMIO VENEZIA CLASSICI per il MIGLIOR FILM RESTAURATO e il PREMIO VENEZIA CLASSICI per il MIGLIOR DOCUMENTARIO SUL CINEMA.
Questi studenti, sono 28 laureandi in Storia del Cinema indicati dai docenti di 13 DAMS italiani e della veneziana Ca’ Foscari; è il secondo anno che vengono assegnati questi tipo di riconoscimenti.
Dal 2012, Venezia Classici, è una sezione che presenta una selezione dei migliori restauri di film classici, realizzati durante l’ultimo anno, da cineteche, istituzioni culturali e produzioni di tutto il mondo; questa sezione presenta anche una selezione di documentari sul cinema e i suoi autori.Anche quest’anno la Biennale di Venezia ha partecipato a questa categoria con le collezioni del suo Archivio Storico delle Arti Contemporanee (ASAC).

Articolo di Mara Siviero

No Comments Yet

Comments are closed