The Ink Black Heart di J.K. Rowling affronta la cultura dell’annullamento (e sì, è transfobico)

The Ink Black Heart è il nuovo lavoro bibliografico della mamma di Harry Potter J.K. Rowling, spesso boicottata e sotto i riflettori poiché considerata tra le tante cose, anche transfobica.

Come un male in agguato, J.K. Rowling è nota per aver portato scompiglio nelle vite della comunità LGBTQIA+. Negli ultimi anni, la retorica velenosa (e transfobica) dell’autrice di Harry Potter nei confronti della comunità transgender ha attirato sempre più critiche da parte del fandom, di studiose femministe e di attivisti per la giustizia sociale. Secondo Cheyenne Roundtree di Rolling Stone, la Rowling sta usando la sua piattaforma per commemorare il suo punto di vista sulla cultura della cancellazione.

J.K. Rowling dichiara che The Ink Black Heart non è ispirato alla sua vita personale

In Cuore nero inchiostro (orrenda traduzione di The Ink Black Heart), l’ultimo romanzo della serie di thriller polizieschi Cormoran Strike, scritto sotto lo pseudonimo di Robert Galbraith, la trama sembra rispecchiare la caduta pubblica di JKR. Il nuovo libro presenta ai lettori un personaggio che sembra essere una controfigura della stessa JKR: Edie Ledwell, una popolare creatrice di YouTube che “vede i troll di internet e il suo stesso fandom rivoltarsi contro di lei dopo che il fumetto è stato criticato perché razzista e abile, oltre che transfobico per un pezzo su un verme ermafrodita”. Il libro prende chiaramente di mira i critici di JKR, in quanto Ledwell viene “doxata” dai suoi fan che pubblicano foto della sua casa su Internet, la sottopongono a “minacce di morte e di stupro per avere un’opinione” e infine viene uccisa, “vittima di una campagna d’odio contro di lei magistralmente architettata e alimentata politicamente”.

Ma nonostante le evidenti somiglianze con la sua vita, la Rowling ha affermato al Graham Norton Radio Show di aver progettato la storia “tre anni fa” e di aver avuto l’idea di rappresentare il seguito online di un cartone animato attraverso i suoi figli. “Dopo le cose che sono successe nell’ultimo anno, devo chiarire che non si tratta di una rappresentazione”, ha detto l’autrice in riferimento alle recenti minacce che le sono state rivolte. “Avevo scritto il libro prima che mi accadessero certe cose online”, ha continuato. Ho detto a mio marito: “Penso che tutti lo vedranno come una risposta a quello che mi è successo”, ma in realtà non è così. La prima stesura del libro era terminata nel momento in cui sono successe certe cose”.

Link