Sid di Toy Story è davvero un bambino cattivo?

Sid, il malvagio vicino di Andy, è considerato uno dei più grandi cattivi di Toy Story, ma questo bambino potrebbe non essere poi così cattivo. Ecco perché.

Se c’è una serie di film d’animazione che ha cambiato per sempre la storia del cinema, questa è sicuramente Toy Story. Il film del 1995, che ha segnato il debutto alla regia di John Lasseter, è considerato uno dei migliori film d’animazione della storia, innovativo per molti motivi. Innanzitutto, è stato il primo lungometraggio interamente animato al computer, nonché il primo lungometraggio della Pixar, affermando lo studio come una potenza mondiale dell’animazione e aprendo la strada a tutti i successi che sarebbero seguiti. Questo classico della cinematografia contemporanea è stato ispirato dal cortometraggio Tin Toy del 1988, anch’esso diretto da Lasseter, in cui Tinny, un giocattolo al capo di una banda, cerca di scappare da un bambino. Vista la popolarità di questa produzione, Lasseter ebbe l’idea di sviluppare un film dal punto di vista dei giocattoli.

Toy Story si svolge in un mondo in cui i giocattoli sono vivi, anche se lo nascondono ai loro proprietari e agli altri esseri umani, e il film ruota attorno al rapporto tra Woody, il pupazzo cowboy preferito da Andy, e un nuovo giocattolo che arriva per contendersi l’affetto del suo proprietario, Buzz Lightyear, una action figure di un cadetto spaziale. Come tutti sappiamo, questi personaggi finiscono per diventare i migliori amici, dando vita a uno dei franchise più popolari dell’industria del cinema d’animazione. Toy Story è stato accolto molto bene sia dalla critica che dal pubblico e ha portato la storia alla produzione di ben tre sequel, nel 1999, nel 2010 e nel 2019, oltre a un recente film spinoff intitolato Lightyear, uscito proprio quest’anno, che esplora la vita dell’uomo che ha ispirato l’action figure dei film. Una cosa che accomuna tutti i film di Toy Story è che, a un certo punto, gli amatissimi personaggi devono affrontare un cattivo che minaccia il loro benessere, dal collezionista Al McWhiggin a Lotso, il giocattolo più malvagio dell’asilo Sunnyside, per non parlare del cattivo più iconico del franchise: Sid Phillips. Per quanto riguarda quest’ultimo, è possibile che sia i registi che il pubblico siano stati piuttosto severi, quindi in questo articolo analizzeremo se Sid si è davvero guadagnato l’etichetta di “bambino cattivo” o se è stato giudicato in modo sbagliato.

La più grande paura di un giocattolo

Il primo film di Toy Story, oltre a presentare la più varia e pittoresca collezione di giocattoli, presenta anche il loro proprietario, Andy Davis. Questo ragazzo è il tipo di proprietario che ogni giocattolo vorrebbe avere: un ragazzo molto tranquillo che, nonostante giochi molto con i suoi giocattoli, si prende molta cura di loro. Il pubblico si affeziona a Andy perché lo vede attraverso gli occhi dei suoi amati giocattoli e può apprezzare quanto li ami. La stessa cosa accade con Sid, ma in modo opposto. Fin dall’inizio del film, Sid viene ritratto come una persona disturbata, che si diverte a distruggere i giocattoli e a usarli per condurre gli esperimenti più terrificanti. Al contrario di Andy, Sid si diverte a far esplodere i giocattoli con gli ordigni da bambino e a inventare le storie più agghiaccianti insieme al suo aggressivo bull terrier Scud. Nel corso di Toy Story, Sid viene presentato come l’assoluto opposto di Andy: ha un pessimo rapporto con la sorellina, non parla molto con la madre, la sua unica compagnia è un cane terrificante (che, ancora una volta, sembra essere l’opposto di Buster, il cane di Andy) ed è molto, molto ostile ai giocattoli. Naturalmente, c’è un fatto cruciale che non va dimenticato: Toy Story è una storia di eventi narrati dal punto di vista di un gruppo di giocattoli. Tenendo presente questo, si può facilmente capire perché Woody, Buzz e gli altri giocattoli etichettano Sid come un ragazzaccio; le loro vite sono in pericolo per mano di questo ragazzo, perché chissà di cosa è capace! Persino i Mutant Toys, il particolare gruppo di giocattoli che è intervenuto su Sid, non lo amano e cercano di tenersi a distanza da lui. Tutto questo, unito ad alcune caratteristiche estetiche come la sua iconica maglietta con il teschio e la sua risata malvagia, spinge il pubblico a empatizzare rapidamente con i giocattoli e a identificare Sid come un bambino cattivo e problematico che fa del male ai giocattoli.

Un bambino come noi

Certo, Sid può sembrare strano, perfino cattivo, e ha le idee più strane per i giochi, ma c’è un dettaglio che viene generalmente trascurato quando si analizza questo personaggio, un dettaglio che può cambiare completamente la percezione che si ha di lui: Sid, come il resto dei bambini e degli adulti di Toy Story, non sa che i giocattoli sono vivi. Per quanto ne sa, non sta facendo loro del male, perché i giocattoli sono solo uno strumento che gli permette di essere creativo e di realizzare le idee più folli e fantasiose che gli vengono in mente. Certo, Sid non è il bambino più educato mai rappresentato in un film Pixar: trascura i suoi giocattoli, litiga costantemente con la sorella, fa i capricci in luoghi pubblici e ha un modo di divertirsi molto più rude degli altri bambini. Tuttavia, si tratta di un comportamento relativamente normale per un ragazzino di 11 anni, le cui idee sono forse un po’ più eccentriche e selvagge di quelle degli altri bambini. Mentre Andy finge che Woody sia un cowboy che salva la situazione, Sid si diverte a fare esperimenti, fingendo di essere un medico, uno scienziato o un ricercatore, e i suoi giocattoli sono solo attori delle sue storie. È un bambino molto solitario, che non sembra avere molti amici, e quindi si affida ai giocattoli per divertirsi.

Un altro aspetto degno di nota è che Sid in realtà non distrugge i giocattoli, ma li usa per creare qualcosa di nuovo, essendo totalmente coinvolto nel processo. Sid è pieno di risorse, appassionato di razzi, giochi di guerra e interventi medici, ma allo stesso tempo sogna di andare a cavallo e ama mangiare le Pop-Tarts, proprio come qualsiasi altro bambino della sua età. Per quanto possa valere, la maggior parte dei bambini del pubblico di Toy Story ha probabilmente più in comune con lo stile di gioco di Sid che con quello di Andy. Poiché i giocattoli sono abituati a Andy, è facile capire perché Woody, Buzz e gli altri vedano Sid come un bambino cattivo e spaventoso (il che, ai loro occhi, lo rende l’antagonista del film), ma se si considera che è un bambino solitario e creativo che non sa che i giocattoli sono vivi, è chiaramente evidente che Sid è un bambino come tutti gli altri, che ama giocare con i suoi giocattoli e si diverte a modo suo. Inoltre, quando i giocattoli prendono vita davanti a lui e Woody lo avverte di fare il bravo, Sid cambia comportamento e non fa più del male ai giocattoli, il che dimostra che il bambino non è malvagio di natura.

Toy Story 3: il cameo di Sid da adulto

Alla fine di Toy Story, Sid diventa l’unica persona a conoscenza del segreto dei giocattoli e questo cambia per sempre la sua vita. Infatti, una teoria non confermata dai fan, riportata da Digital Spy, sostiene che Sid sia diventato un netturbino in missione per salvare i giocattoli scartati da un destino segnato. In Toy Story 3, c’è un piccolo cameo di un netturbino che indossa una maglietta nera con un teschio e fa il suo lavoro ascoltando musica. I fan hanno subito associato questo ragazzo a Sid per via della loro somiglianza fisica. Lee Unkrich, il regista del film, ha poi confermato che il netturbino era proprio Sid e che l’attore che lo ha doppiato era lo stesso di Toy Story, Erik von Detten, che riprendeva il suo ruolo. Tuttavia, la teoria della missione di Sid per salvare i giocattoli rimane, per il momento, una fantasia creata esclusivamente dai fan.

Link