Per il sequel de L’Esorcista non sarà coinvolto William Friedkin

William Friedkin, che ha diretto il film originale con grande successo, non sarà coinvolto nel reboot de L’esorcista che riporta le vicende di Ellen Burstyn. Da un importante franchise horror a un altro, David Gordon Green, regista di Halloween Ends, inizierà presto a lavorare come regista di un nuovo sequel de L’esorcista. In un modo…

William Friedkin, che ha diretto il film originale con grande successo, non sarà coinvolto nel reboot de L’esorcista che riporta le vicende di Ellen Burstyn.

Da un importante franchise horror a un altro, David Gordon Green, regista di Halloween Ends, inizierà presto a lavorare come regista di un nuovo sequel de L’esorcista. In un modo che ricorda il ritorno di Jamie Lee Curtis per una nuova serie di film di Halloween sotto la direzione di Green, il nuovo film dell’Esorcista vede anche il ritorno della star originale Ellen Burstyn. Si tratta della sua prima apparizione nel franchise dopo il film originale del 1973 del regista William Friedkin.

Interpretato da Burstyn e Linda Blair, L’esorcista è considerato da molti uno dei più grandi film horror di tutti i tempi. Oltre ad aver ottenuto un grande successo al botteghino, il film è stato anche un beniamino della stagione dei premi, diventando il primo film di genere ad essere nominato per il miglior film. Il film ha vinto anche l’Oscar per la migliore sceneggiatura non originale e ha detenuto il record di film horror di maggior incasso fino all’arrivo di It nel 2017.

Sebbene Friedkin abbia contribuito in modo determinante al successo de L’esorcista, non aspettatevi che torni per il prossimo sequel di Green come ha fatto John Carpenter per i nuovi film di Halloween. In una nuova intervista con MovieMaker, Green conferma che Friedkin non è coinvolto nel film, sottolineando che il film non sarà stilisticamente uguale al film originale, anche se alcuni personaggi torneranno. Dice che l’attenzione maggiore è rivolta a come il personaggio di Burstyn si è evoluto rispetto al film originale, suggerendo che l’apporto di Friedkin non era così necessario con Burstyn a bordo.

“Non lo farà. In questo viaggio, abbiamo scelto Ellen Burstyn come guru spirituale. Il nostro Esorcista è legato narrativamente ai suoi personaggi, ma non lo è in termini di parallelismi stilistici. Non mi sto appoggiando a ciò che ha fatto Friedkin, ma sto approfondendo chi è Chris MacNeil e cosa ha portato in tavola. Senza svelare troppo, gli strumenti e le intuizioni che ha utilizzato in cinquant’anni trovano una nuova applicazione. Abbiamo coinvolto Ellen, con la quale abbiamo girato otto giorni un anno fa per fare alcune esplorazioni tecniche e creative, e la prossima settimana torneremo sul ring. Quindi, per rispondere alla sua domanda, Friedkin non è coinvolto. Se è bravo come John Carpenter a fare musica, gli faremo fare una canzone nel film. Può fare una versione per trombone di ‘Tubular Bells'”.

Link