#BESOCIAL

Troll Hunter, remake statunitense del norvegese Trolljegeren (2010) di André Øverdal presentato quest’anno al Future Film Festival (e, per chi se lo fosse perso, disponibile in homevideo grazie a Universal) ha finalmente un regista. La produzione, formata da Chris Columbus (regista famoso per aver diretto Mamma, ho perso l’aereo, Mamma, ho riperso l’aereo – Mi sono smarrito a New York ma anche Harry Potter e la Pietra Filosofale e Harry Potter e la camera dei segreti), CJ Entertainment e 1492 (ma saranno coinvolti anche John M. Jacobsen e Sveinung Golimo, produttori dell’originale), ha infatti scelto Neil Marshall (The Descent – Discesa nelle tenebre, Centurion) per dirigere il mokumentary che sarà scritto da Marc Haimes e, con molta probabilità, dallo stesso regista. Le riprese del film, del quale si parlava già nel 2011 (quando proprio Columbus aveva acquistato i diritti cinematografici), dovrebbero cominciare all’inizio del 2014 ma la release non è stata ancora fissata.

Troll Hunter, girato in forma di mockumentary, riprende lo stile narrativo e la ripresa in prima persona già visti in The Blair Witch Project e Cloverfield, creando una storia che unisce le atmosfere cupe e minacciose del primo con i racconti di creature mostruose del secondo e racconta di un gruppo di studenti norvegesi che si mette sulle orme del misterioso cacciatore Hans, con l’intenzione di realizzare un documentario su una serie di uccisioni sospette di orsi scoprendo, però, una realtà ben pi sconvolgente. I ragazzi, infatti, riprenderanno dei Trolls giganti che vivono nel nord del paese, tenuti lontani dagli occhi della popolazione per mano del governo al fine di evitare il panico di massa.

#BESOCIAL