Lo Hobbit: differenze con i libri, i più grandi cambiamenti di Peter Jackson

I film dello Hobbit sono stati una delusione per molti fan, poiché Peter Jackson e lo studio si sono presi molte libertà non necessarie nel modificare il libro di Tolkien.

Il Signore degli Anelli è considerato ancora oggi una delle migliori storie fantasy mai raccontate. Sia i libri che i film sono amati da miliardi di fan. Così, quando è stato annunciato che Lo Hobbit di J.R.R. Tolkien sarebbe stato adattato in un film e sarebbe stato diretto da Peter Jackson, molti fan, o “Ringers” (come vengono talvolta chiamati), sono rimasti estasiati dalla notizia. Tuttavia, le cose si fecero strane quando si decise di trasformare il libro di J.R.R. Tolkien Lo Hobbit in tre film. Ancora oggi, molte persone speculano su questa decisione. Forse perché Peter Jackson voleva che Lo Hobbit fosse una trilogia per rispecchiare il successo dei film del Signore degli Anelli? Forse. Oppure perché tutte le persone coinvolte volevano guadagnare di più dalla produzione di tre film rispetto a uno? Probabilmente sì.

In ogni caso, la trilogia cinematografica de Lo Hobbit è stata una versione lunga e tirata per le lunghe della storia strutturata in modo classico dal grande e compianto J.R.R. Tolkien. La storia dello Hobbit è piuttosto breve, soprattutto se paragonata ai libri de Il Signore degli Anelli (Lo Hobbit è meno di un quarto della lunghezza della trilogia de Il Signore degli Anelli), quindi è stato necessario aggiungere qualcosa ai film per riempire il tempo a disposizione, che è di circa 8 ore e mezza per tutti e tre i film. Questo è in contrasto con la maggior parte degli adattamenti da libro a film, dove le cose devono essere omesse perché non c’è abbastanza tempo per inserire ogni dettaglio del libro nel film.

Indipendentemente dalle ragioni per cui Lo Hobbit è composto da tre film anziché da uno, avremmo sperato che questi tre film fossero epici e degni del materiale di partenza. Non sono terribili, ma non sono nulla in confronto alla trilogia de Il Signore degli Anelli. Questo perché sono lunghi, tirati per le lunghe e contengono molte aggiunte che non sembrano necessarie. Sebbene ci siano stati molti cambiamenti minori tra il libro e il film, ecco alcuni dei cambiamenti più importanti apportati da Peter Jackson e dal suo team.

Tauriel, il personaggio di cui sapevamo di non aver bisogno ma che abbiamo ottenuto in ogni modo

Non tutte le storie devono essere caratterizzate da una storia d’amore o da un triangolo amoroso. Lo Hobbit ha già forti amicizie che guidano la sua trama. Pertanto, una storia d’amore non è necessaria. Tuttavia, Peter Jackson o lo studio hanno apparentemente pensato che Lo Hobbit avesse bisogno di una svolta amorosa quando hanno deciso di creare un proprio personaggio non presente ne Lo Hobbit né in nessuno dei libri de Il Signore degli Anelli. Il personaggio elfico di Tauriel (Evangeline Lilly) è stato creato per aggiungere una figura femminile forte e riconoscibile ai film de Lo Hobbit e per aggiungere un po’ di romanticismo tra Kíli (Aidan Turner), uno dei nani, e Legolas (anche lui non presente nei libri de Lo Hobbit).

Tuttavia, Tauriel, che compare nel secondo e nel terzo film dello Hobbit, sembra davvero superflua e persino un po’ dozzinale. È il capitano della guardia del Reame Boscoso di Thranduil, ma sembra troppo giovane e inesperta rispetto ad altri soldati di Thranduil. Inoltre, le sue capacità di guarigione sembrano troppo avanzate rispetto ai suoi anni, apparentemente migliori di quelle di Elrond, che è forse uno degli elfi più vecchi e più saggi della Terra di Mezzo. Inoltre, sembra strano che lei salvi Kíli nel secondo film per poi assistere impotente, nel terzo film, alla sua morte mentre si sacrifica per salvarla.

L’aggiunta del ritorno di Legolas nei film de Lo Hobbit

Alla fine del terzo film dello Hobbit, la storia di Tauriel sembra incompiuta e il pubblico si chiede cosa le sia successo dopo la Battaglia delle Cinque Armate. È stata bandita da Mirkwood da Thranduil, ma tornerà mai? Chi lo sa. Molti fan hanno ritenuto superflua la sua aggiunta e, dopo aver rivisto i film, la pensano ancora così. In effetti, l’aggiunta di Tauriel è stata forse il cambiamento più controverso dei film, ma non l’unico importante.

Azog, il signore degli orchi bianchi con un braccio solo

Ogni storia ha bisogno di un cattivo e Lo Hobbit ne ha diversi, ma uno dei più importanti è il signore degli orchi Azog. Azog incute timore nei cuori di molti e ha una grande resa dei conti finale tra lui e Thorin, dove entrambi alla fine si uccidono a vicenda. Sebbene Azog esista nel mondo di Tolkien, in realtà è stato ucciso e decapitato molto prima degli eventi de Lo Hobbit. Quindi, non avrebbe mai dovuto essere presente nei film. Sembrava che Peter Jackson avesse bisogno di un cattivo minaccioso da contrapporre a Thorin in un modo che sperava epico, così ha riportato Azog dalla morte (almeno per un po’, finché non è stato conveniente ucciderlo di nuovo).

Frodo Baggins fa un’apparizione da ospite

Frodo Baggins (Elijah Wood) è uno dei punti focali dei film de Il Signore degli Anelli. La sua volontà di essere il portatore dell’anello ci insegna che anche le persone più piccole possono fare la differenza. Tuttavia, mentre svolge un ruolo così importante sia nei libri che nei film de Il Signore degli Anelli, il suo personaggio non compare nel libro Lo Hobbit. Uno dei motivi potrebbe essere che Tolkien ha scritto Lo Hobbit molti anni prima di scrivere la trilogia de Il Signore degli Anelli, quindi è probabile che Frodo non fosse ancora stato inventato.

Tuttavia, Peter Jackson ha ritenuto necessaria una sua apparizione nei film de Lo Hobbit, probabilmente per le stesse ragioni dell’apparizione di Legolas. Sebbene il ritorno di Frodo sia minore e si limiti a un cameo nei film, anche questo sembra superfluo, nonostante l’amore per Frodo Baggins. Ancora una volta, sembra che Peter Jackson abbia semplicemente inserito il suo personaggio nella storia come un altro beniamino dei fan, senza dargli molto da fare per aggiungere alla trama.

Link