#BESOCIAL

Idol's Eye- Pattinson De Niro

È quasi finita l’attesa per l’inizio delle riprese di Idol’s Eye, action thriller con Robert De Niro, Robert Pattinson e Rachel Weisz  e per la regia di Olivier Assays, che batterà il suo primo ciak il 20 Ottobre a Toronto.

La notizia è stata diffusa dalla stessa casa produttrice del film – Benaroya Pictures – che, per la realizzazione del progetto,  ha sborsato un budget di circa 20 milioni di dollari.

Il regista della pellicola è reduce dal red carpet della 67esima edizione del  Festival di Cannes, dove ha presentato il drammatico Clouds of Sils Maria, per il quale ha scelto, accanto a Juliette Binoche, proprio la ex partner  nel lavoro e nella vita di Robert Pattinson: Kristen Stewart.

Resta quasi top-secret le trama del film: sappiamo per certo che narrerà le vicissitudini di un gruppo di ladri di Chicago all’epoca storica  in cui Tony Accardo (interpretato da Robert De Niro) regnava come padrino, e che l’ex vampiro di Twilight (che ormai rischia di essere ricordato più come pupillo di David Cronenberg) interpreterà il bandito capobanda John Mendell, alle prese con l’azzardata impresa di rapinare il banco dei pegni di proprietà del potentissimo capo mandamento mafioso.

La storia, ispirata ad un articolo del 2007 di Hillel Levin – Boosting the Big Tuna –  pubblicato sulla rivista Playboy e basato su personaggi realmente esistiti,  sembra avere tutti gli elementi per svilupparsi in un film interessante ed appassionante, anche perché – come lo stesso Pattinson ha rivelato alla rivista The Guardian – la figura del criminale che emerge è diversa dal solito;  in particolare, Robert ha dichiarato che il personaggio da lui interpretato

“è un bambino perso, vagamente delirante. Tutti romanzano sempre i criminali – sembra inevitabile nei film – ma in questo caso è davvero non romanzato. È  piuttosto denso. Davvero Serio. Molto politico.”

Le riprese andranno avanti fino al 23 dicembre e non è ancora dato di sapere se toccheranno anche Chicago, reale teatro delle losche attività  dei personaggi trattati.

Articolo di Virginia Campione

#BESOCIAL