Gli sceneggiatori di Dahmer hanno tentato di contattare i familiari delle vittime ma senza successo

La serie Mostro Dahmer ha subito il contraccolpo dei familiari delle vittime, ma resta una delle serie più viste di sempre su Netflix. Monster: The Jeffrey Dahmer Story è stato un successo per lo streamer Netflix, ma non è stato esente da polemiche. La serie, co-creata da Ryan Murphy e Ian Brennan, è stata accusata…

La serie Mostro Dahmer ha subito il contraccolpo dei familiari delle vittime, ma resta una delle serie più viste di sempre su Netflix.

Monster: The Jeffrey Dahmer Story è stato un successo per lo streamer Netflix, ma non è stato esente da polemiche. La serie, co-creata da Ryan Murphy e Ian Brennan, è stata accusata di traumatizzare ancora una volta le famiglie delle vittime attraverso la narrazione grafica dei loro omicidi. Diversi familiari hanno dichiarato di non essere stati contattati in merito alla serie.

Secondo The Hollywood Reporter, Murphy ha parlato di contatti con i familiari delle vittime durante un evento per lo show al DGA Theatre di Los Angeles giovedì scorso, affermando che si è cercato di contattarli:

“È una cosa che abbiamo studiato a lungo. E nel corso dei tre anni, tre anni e mezzo in cui l’abbiamo scritto, in cui ci abbiamo lavorato, abbiamo contattato 20, circa 20 famiglie e amici delle vittime cercando di ottenere input, cercando di parlare con le persone e non una sola persona ci ha risposto in quel processo. Quindi ci siamo affidati molto, molto pesantemente al nostro incredibile gruppo di ricercatori che… non so nemmeno come abbiano fatto a trovare molte di queste cose. Ma per noi è stato come uno sforzo notturno e giornaliero cercare di scoprire la verità su queste persone”.

Monster: The Jeffrey Dahmer Story è una delle serie più chiacchierate dell’anno. Su Netflix, ha ottenuto il debutto più alto dopo Stranger Things e ha raggiunto il primo posto durante la sua settimana di uscita. Ora è vicina a 1 miliardo di ore di streaming. La serie ha come protagonista Evan Peters nel ruolo del serial killer Dahmer, condannato per aver ucciso e smembrato uomini e ragazzi tra il 1978 e il 1991. La maggior parte delle vittime di Dahmer erano afroamericani e spesso incontrava i suoi bersagli in luoghi frequentati da uomini gay. Dahmer è stato condannato a 941 anni di carcere nel 1992, ma è stato assassinato durante la detenzione nel 1994.

Durante l’evento, Murphy ha sostenuto che la serie è più decisa a esplorare le questioni sociali che a mettere in luce la vita di Dahmer:

“Una cosa di cui abbiamo parlato molto durante la realizzazione della serie è che non eravamo tanto interessati a Jeffrey Dahmer, la persona, ma a ciò che lo ha reso il mostro che è diventato. Ne abbiamo parlato molto… e ne abbiamo parlato tutto il tempo. Si tratta in realtà del privilegio dei bianchi. Si tratta di razzismo sistemico. Si tratta di omofobia”.

Anche Paris Barclay, che ha diretto due episodi della serie, era presente e ha aggiunto:

“Vogliamo davvero che sia una celebrazione di queste vittime. Quando Tony scrive ‘Non sparirò’ sull’ultimo biglietto, questo è il senso della serie. Si tratta di assicurarsi che queste persone non vengano cancellate dalla storia e che abbiano un posto e che siano riconosciute, che siano state importanti e che abbiano vissuto vite piene. Venivano da luoghi diversi, ma erano persone vere. Non erano solo numeri. Non erano solo immagini su cartelloni e pali del telefono. Erano persone reali con famiglie amorevoli, che respiravano, vivevano, speravano. È di questo che volevamo che si trattasse”.

Durante l’evento, Niecy Nash, che nella serie interpreta Glenda Cleveland, la vicina di casa di Dahmer, si è chiesta perché non esista un memoriale per le vittime di Dahmer. Murphy è intervenuto dicendo che l’avrebbe finanziato lui stesso prima di aggiungere:

“Penso che dovrebbe esserci qualcosa. E stiamo cercando di contattare le persone per parlarne. Penso che ci siano delle resistenze perché pensano che il parco attirerebbe persone interessate a rendere omaggio al macabro… ma penso che qualcosa dovrebbe essere fatto”.

Monster: The Jeffrey Dahmer Story non è l’unica serie recente a esplorare la storia di Dahmer e delle sue vittime. La terza puntata di Conversazioni con un assassino di Joe Berlinger presenta interviste mai sentite prima tra Dahmer e il suo team legale. Berlinger ha recentemente dichiarato a Entertainment Tonight che la sua troupe non ha avuto notizie dalle famiglie che ha contattato per la docuserie, ma che spera che, se le guarderanno, si sentiranno come se avessero “trattato i loro cari con rispetto”.

Link