#BESOCIAL

after-lifeÈ successo ad un 50anne residente negli States, di cui non è ancora stata rivelata l’identità: l’uomo è stato ritrovato privo di vita dai pompieri, ma dopo 2 giorni è “resuscitato“.

L’uomo di Milwaukee dopo la segnalazione avuta dalla fidanzata che non riusciva a contattarlo da ben due giorni, è stato ritrovato dai pompieri, intorno a tarda mattinata di metà settimana scorsa, riverso a terra su di un fianco ed in visibile stato «freddo di rigor mortis», tant’è che la squadra di soccorsi ha deciso di non praticare nessun’azione di ripristino vitale, ma di chiamare il medico di turno, che dopo qualche ora ne ha constatato la morte – “era freddo e pallido ma non c’era nessuna perdita di colorazione associata alla coagulazione del sangue, che spesso si trova nelle persone decedute.” – racconta IlMessaggero.

Come da normale prassi, il corpo è stato trasportato al Milwaukee County Medical Examiner’s Office, dove sarebbe stato sottoposto alle consuete pratiche d’accertamento legale (come l’autopsia), ma poco prima dell’intervento i dottori si sono accorti che qualcosa di strano stava accadendo: l’uomo stava iniziando a muovere il braccio sinistro e la gamba destra ed addirittura tornando a respirare autonomamente.

Quando i film diventano realtà: tutto questo ci fa venire in mente un film che consigliamo a voi lettori!

LocandinaAfter.Life[1] STATI UNITI D’AMERICA 2009 – Elliot e’ un impresario di pompe funebri con il dono di parlare con i morti non ancora giunti nell’Aldila’. Un giorno sul suo lettino finisce Anna, risvegliatasi li’ dopo una lite con il fidanzato. Elliot le spiega che quello che sta attraversando e’ un momento di “transizione” e che, nonostante si senta viva, non appartiene piu’ al mondo dei vivi.
#BESOCIAL