aristogatti-curiosità

L’11 dicembre 1970 usciva nei cinema degli Stati Uniti Gli Aristogatti (titolo originale: The Aristocats). Sono passati ben 45 anni dall’uscita del film che ha fatto innamorare più di una generazione di fan dei cartoni. Conoscete il film? I protagonisti sono una famiglia di gatti aristocratici (la madre Duchessa e i tre piccoli Minou, Bizet e Matisse) e racconta del loro incontro con un gatto randagio (Romeo, er mejo der Colosseo) che li aiuta dopo che il maggiordomo Edgar li ha rapiti per ottenere l’eredità della sua padrona, che sarebbe dovuta andare a loro. E ricordiamo tutti Guendalina e Adelina Blabla e lo zio Reginaldo. Ma ci sono 10 curiosità del film che non tutti conoscono. Voi fan del film le sapevate tutte?

1- Il film è stato l’ultimo progetto cinematografico approvato da Walt Disney stesso, e il primo prodotto dopo la sua morte nel 1966 (egli aveva tuttavia lavorato alle prime versioni del soggetto de Le avventure di Bianca e Bernie nel 1962): la lavorazione del film durò infatti 4 anni, dal 1966 al 1970.

2- Il budget: Gli Aristogatti costò 4 milioni (una grande cifra per l’epoca) e ne incassò 55,7. Ha incassato circa 14 volte ciò che costò. Fu un successo? Frozen è costato 150 milioni di dollari e ne ha incassati 1 miliardo e 274 milioni. Quindi ha guadagnato 8,4 volte ciò che è costato. (I costi di produzione erano meno elevati nel 1970, gli stipendi erano molto minori rispetto ad oggi, i biglietti del cinema costavano di meno, inflazione ecc…). Però sulla carta i gatti battono le principesse del ghiaccio.

3- Romeo non è er mejo der Colosseo. Nella versione originale Romeo non è romano. Ma nemmeno italiano. E’ irlandese: il suo nome in Usa è Thomas O’Malley (nome intero: Abraham de Lacy Giuseppe Casey Thomas O’Malley).

4I gattini hanno nomi differenti (ma simili per significato alla versione originale): Matisse (in italiano ricorda il nome del pittore Henri Matisse) è nella versione americana Toulouse (come il nome della città francese di Tolosa e come il pittore Henri de Toulouse-Lautrec), Minou è Marie mentre Bizet (dal nome del musicista Georges Bizet) è in realtà Berlioz (come il musicista Hector Berlioz). Entrambi i musicisti sono dell’800.

5Duchessa è anche un topo! Nella versione Usa Duchessa è doppiata da Eva Gabor che successivamente, nel 1977, doppierà anche Bianca, il topolino del film Bianca e Bernie così come nel sequel, Bianca e Bernie nella terra dei canguri, del 1990. Guardate la foto della Gaber: non vi ricorda l’eleganza della gatta bianca e della topolina…bianca, di nome e di fatto?

duchesssss
Duchessa-Eva Gabor-Bianca:_ l’eleganza!

6- Aristogatti II: niente da fare. La Disney aveva pensato ad un sequel da realizzare negli stessi anni di Chicken Little e di I Robinson – Una famiglia spaziale. Ma quando John Lasseter è stato nominato nuovo responsabile creativo della Disney ha negato la possibilità di fare sequel dei classici.

7- Gatti razzisti! Nella canzone Tutti quanti voglion fare Jazz (originale: Ev’rybody Wants to Be a Cat) uno dei gatti della band, il siamese/Chinese Cat, canta una strofa, con un palese accento asiatico (un po’ una presa in giro). Questo non piacque e nel film vennero eliminate perché giudicate politicamente scorrette. Vennero mantenute nel DVD però. Ecco la canzone!

8- Scat Cat: un vero jazzista…amato dalla mafia! Scat Cat è il migliore amico di Romeo e leader di una banda di gatti randagi jazzisti: il suo doppiatore originale è Scatman Crothers (già, Scat-CAT,gatto è in realtà Scat-MAN, uomo). Scatman Crothers era un importante musicista jazz. Fra i suoi spettatori una volta ci fu anche il famoso gangster Al Capone.

scatman
Due Jazzisti!

9- Madame Adelaide: da nobildonna a bisbetica! Madame Adelaide è doppiata in originale da Hermione Baddeley, nota attrice comica che il più delle volte interpretava personaggi “volgarotti”, eccessivi. Nel 1970 fu tra le doppiatrici degli Aristogatti mentre nel 1982 fu il topo, la Zia Bisbetica nel film Brisby e il segreto di NIMH. Passa da un ex cantante lirica amante dei gatti ad una vecchia donna-topo, odiosa, permalosa e con la voce più rauca dei cartoni!

zia
La zia Bisbetica di Nimh e Madame Adelaide

10- I Nove uomini leggendari: 5 dei nove “Old Men” lavorarono al film. Chi erano i “Nine old Men”? I Nine Old Men è il nome con cui vengono ricordati i nove animatori storici della Walt Disney (alcuni in seguito registi), creatori delle opere Disney più famose, da Biancaneve e i sette nani a Le avventure di Peter Pan, passando per Gli Aristogatti e Bianca e Bernie. Walt Disney scherzosamente chiamava questo gruppo di animatori il suo “Nine Old Men. Questi leggendari animatori sono ad oggi tutti defunti.

 

#BESOCIAL