Che fine ha fatto Nicolas Vaporidis?

Nicolas Vaporidis
Nicolas Vaporidis

Diciamoci la verità quando nel 2006 uscì al cinema Notte prima degli esami, erano in pochi a conoscere il nome del protagonista, Nicolas Vaporidis, ed erano altrettanto pochi a scommettere (oltre che sul successo del film, opera prima di Fausto Brizzi) anche sul fatto che sarebbe diventato famoso, e invece per un paio d’anni abbondanti il buon Nicolas (che per inciso è italianissimo, nato a roma nel 1981 da padre d’origini greche ) lo ritrovavamo un po’ dappertutto, in ogni locandina del periodo il suo nome compariva sempre.

Dal sequel Notte prima degli esami -oggi (che non ripeté il successo del primo) al duo Maschi contro femmine e Femmine contro maschi, sempre con Brizzi come regista, passando per Come tu mi vuoi , con Cristiana Capotondi come partner (all’epoca sua partner anche nella vita), e finire con Iago rilettura in chiave moderna dell’Otello di Shakspeare, con Laura Chiatti nei panni di “Desdemona”.

Vaporidis e Carolina Crescentini in una scena di Notte prima degli esami-oggi (2008)
Vaporidis e Carolina Crescentini in una scena di Notte prima degli esami-oggi (2008)

E poi?…il nulla o quasi, negli ultimi quattro anni infatti l’unico film in cui l’abbiamo visto recitare è Outing fidanzati per sbaglio con Andrea Bosca, e Massimo Ghini, una divertente commedia su due stilisti che per emergere nel mondo della moda e ottenere la sovvenzione regionale pugliese si fingono gay, un film carino che forse se girato negli anni d’oro di Nicolas avrebbe avuto un discreto successo invece di sparire nell’anonimato con un incasso ben sotto le attese.

Il cinema sappiamo bene essere così, a volte  si arriva molto in fetta in cima ma altrettanto velocemente si scivola giù, nel frattempo Nicolas si è sposato con la collega Giorgia Surina (voci dicono di una loro crisi però e di una separazione imminente)ed è diventato produttore in attesa di un progetto che gli permetta di dimostrare che il suo passaggio nell’elite cinematografica italiana non è stato soltanto frutto del caso.

A cura di Alex Olivero

No Comments Yet

Comments are closed