SHARE

La lista delle denunce per molestie sessuali compiute da parte di Harvey Weinstein si allunga, tant’è che la sua stessa compagnia, la Weinstein Company, ha deciso di licenziare il famoso produttore.

Asia Argento sarebbe tra le vittime, l’ha dichiarato la stessa attrice in un’intervista del New Yorker.

La molestia risalirebbe al 1997, quando Asia nei suoi soli 21 anni sarebbe stata invitata con un tranello ad una festa in un hotel francese, scoprendo i soli due presenti fossero lei e Weinsten.

Sempre secondo il suo racconto, l’uomo in accappatoio le avrebbe chiesto un massaggio, ed al suo rifiuto le avrebbe alzato la gonna e costretta ad un rapporto orale.

Ecco il commento di Asia Argento, carico di rammarico e senso di colpa a vent’anni di distanza:

“Ne avevo paura, lui era così grosso. Era un incubo. La cosa dell’essere una vittima è che me ne sentivo responsabile. Perché se fossi stata una donna forte, gli avrei tirato un calcio nelle palle e sarei scappata via. Non riuscii a farlo, e per questo me ne sento responsabile”.

SHARE