SHARE

La 74esima edizione della mostra cinematografica di Venezia si è conclusa pochi giorni fa, e lascia dietro di sé una scia di film da vedere. Non solo i grandi titoli, ma anche produzioni focalizzate sull’Italia e su spaccati nostrani difficili da analizzare. Parliamo in questo caso di Veleno di Diego Olivares, che punta il dito – e la macchina da presa – sul dramma della terra dei fuochi.

In un piccolo centro del casertano, una umile famiglia di agricoltori vive il dramma di un territorio violato, contaminato dai veleni che criminali senza scrupoli hanno disseminato in buona parte di quella provincia. Cosimo, il capofamiglia, e sua moglie Rosaria ostinatamente rifiutano di lasciare che i loro terreni diventino una discarica destinata ai rifiuti tossici: le minacce e le ripercussioni da parte di alcuni esponenti della camorra, tra i quali il giovane avvocato Rino, non li piegano. I due coniugi non vogliono staccarsi dalle loro radici e dalla loro terra interamente dominata da un potere mafioso che corrompe e distrugge. Ezio, fratello di Cosimo, e sua moglie, invece, accettano, attratti da facili guadagni, di essere complici della devastazione dei loro territori. A complicare ulteriormente le cose è la grave malattia di Cosimo causata dal veleno che contamina l’acqua, i raccolti, il bestiame. Il calvario del protagonista diventa la sintesi delle piccole e grandi contraddizioni di una terra di fatto abbandonata a se stessa, dove lo Stato sembra aver definitivamente abdicato alle sue funzioni, dove l’unico potere riconoscibile e riconosciuto è rimasto solo quello criminale.

Veleno uscirà nelle sale cinematografiche il prossimo 14 settembre.

Veleno di Diego Olivares – trailer – dal 14 settembre al cinema

SHARE